guinendadi

Storie di rivoluzione e sviluppo in Guinea Bissau.
Un viaggio nato da una parola che unisce un popolo.
Un reportage dentro gli sguardi e le storie di chi ogni giorno lavora, crea e sogna un Paese diverso.

Scopri le storie
Guinea Bissau: una timeline

Nell'era precoloniale, quindi non tanto tempo fa, in Africa esistevano più di 10 mila staterelli, regni, gruppi etnici, federazioni. Nel suo libro The African Experience (New York 1991) lo storico dell'Università di Londra Roland Oliver mette in risalto un paradosso ormai generalizzato: si dice infatti comunemente che i colonialisti europei abbiano compiuto una spartizione dell'Africa. «Una spartizione?» dice Oliver stupito. «Ma se si è trattato di un'unificazione brutale, imposta col ferro e col fuoco! Da 10 mila che erano si sono ridotti a cinquanta». Ma di tutta questa varietà, di questo mosaico cangiante composto di sassi, ossa, conchiglie, ramoscelli e foglioline rimane ancora molto. Più lo contempliamo e più ci accorgiamo di come sotto ai nostri occhi le parti di questo puzzle cambino posto, forma e sfumature, fino a formare uno spettacolo che ci abbaglia con la sua varietà, la sua ricchezza, il suo caleidoscopio di colori.

Ryszard Kapuściński - Ebano, 1998

Prima del XV secolo La Guinea Bissau, in epoca precoloniale, è un regno tributario conosciuto con il nome di Gabù ed è parte dell'Impero del Mali.

1446 Nuno Tristão, secondo una ricostruzione leggendaria, più che storica, è il primo esploratore portoghese a mettere piede in Guinea Bissau. Ha così inizio la loro amministrazione (anche sulle Isole di Capo Verde) e tutta l'area della Guinea Bissau diventa un importante snodo nella tratta di schiavi.

1879 La Guinea Bissau diventa una colonia separata da Capo Verde.

1951 La Guinea Bissau viene dichiarata provincia del Portogallo.

1956 Amilcar Cabral e Rafael Barbosa fondano in clandestinità il PAIGC - Partito Africano per l'Indipendenza della Guinea e di Capo Verde.

1963-74 Dal quartier generale del PAIGC a Conakry, in Guinea, partono le rivolte che porteranno alla guerra per l'indipendenza dal Portogallo.

1973 Amilcar Cabral viene assassinato. Il PAIGC dichiara unilateralmente l'indipendenza della Guinea Bissau dal Portogallo (documentario sull'omicidio).

1974 Il Portogallo riconosce l'indipendenza alla Guinea Bissau: Luis Cabral, fratello di Amilcar, diventa presidente.

1980 Luis Cabral viene spodestato con un colpo di stato militare guidato da Joao Bernardo "Nino" Vieira.

1994 Vieira viene eletto presidente.

1998 Vieira "licenzia" il comandante dell'esercito, il generale Ansumane Mane, accusato di rifornire armi clandestinamente ai ribelli in Senegal.

1999 Maggio: i soldati guidati dal generale Ansumane Mane rovesciano Vieira.

2000 Gennaio: Kumba Ialá viene eletto presidente.

2002 Novembre: il generale Mane viene ucciso, presumibilmente dopo aver tentato di mettere in atto un colpo di Stato (reportage).

14 settembre 2003 Un colpo di Stato militare depone il presidente Ialá.

2004 Marzo: dopo un periodo di "governo di transizione" il PAIGC vince le elezioni.

2005 Aprile: Joao Bernardo Vieira rientra dall'esilio in Portogallo. E a luglio conquista il ballottaggio nelle elezioni presidenziali.

2008 Agosto: Vieira scioglie il Parlamento e nomina capo del governo l'ex primo ministro Carlos Correia.
Novembre: Vieira sopravvive a un attacco condotto da soldati ammutinati contro la sua dimora, in quello che sembra essere un fallito colpo di Stato.

2009 Marzo: Joao Bernardo Vieira viene ucciso da soldati ribelli, poche ore dopo l'assassinio del capo dell'esercito, il generale Tagme Na Waie (reportage).
Luglio: Malam Bacai Sanha vince le elezioni presidenziali.

2010 Giugno: l generale Antonio Indjai, è nominato capo dell'esercito.

2011 Dicembre: il primo ministro Carlos Gomes Junior dice che le autorità hanno sventato un tentativo di colpo di Stato contro il presidente Malam Bacai Sanha. Il capo della marina José Americo Bubo Na Tchuto è accusato di essere la mente del colpo di stato e viene arrestato.

2012 Gennaio: il presidente Malam Bacai Sanha muore in ospedale, a Parigi. L'Assemblea Nazionale nomina presidente ad interim Raimundo Pereira (reportage).
Aprile - maggio: i soldati rovesciano il governo. Pereira viene arrestato e viene formato un governo di transizione guidato da Manuel Serifo Nhamadjo.

2014 Maggio: le elezioni presidenziali vengono vinte da Jose Mario Vaz.
Settembre: il presidente Vaz "licenzia" il potente capo delle forze armate, Antonio Indjai (reportage).

2015 Agosto: il presidente Vaz innesca una nuova crisi politica licenziando il premier Domingos Simoes Pereira, dopo lunghe controversie tra i due.

Guinea Bissau: il paese
Il territorio

La Guinea Bissau è un piccolo stato dell’Africa Occidentale. Confina a nord con il Senegal, a sud e a est con la Guinea Equatoriale (anche detta Guinea Conakri, con cui spesso viene confusa) e a ovest con l’Oceano Atlantico.

È uno dei più piccoli Stati del continente africano, con i suoi 36 mila km² (più o meno la stessa dimensione della Svizzera). Un’area che comprende tantissimi corsi d’acqua che attraversano il Paese in lungo e in largo (una caratteristica insolita per il continente africano) e il bellissimo arcipelago delle isole Bijagos, pianeggianti e di natura vulcanica. Per il suo valore ambientale, l'UNESCO ha riconosciuto l’Arcipelago tra le Riserve della biosfera mentre il WWF lo ha inserito tra le sue ecoregioni. Le coste del Paese e le sue isole sono ricoperte da imponenti mangrovie; ma l’attività umana e lo sfruttamento delle risorse forestali stanno mettendo a rischio la ricca biodiversità.

La capitale della Guinea Bissau è Bissau, che conta circa 400.000 abitanti. Sorge sul largo estuario del fiume Geba ed è lo scalo marittimo principale del Paese, dato che è fronteggiato da una baia riparata. Bissau è un macramé di strade, per lo più non asfaltate, dentro il quale si disegnano diversi quartieri: da quelli più centrali, come Ajuda in cui sorgono anche la maggior parte dei palazzi presidenziali, a quelli più poveri, come Antula o Bandim. Quest’ultimo, in particolare, è teatro di uno dei mercati più grandi di Bissau: dentro i suoi vicoli stretti e bui si snodano i banchi del pesce, della carne, delle spezie al fianco di quelli delle stoffe e del piccolo artigianato locale.

La popolazione

1.801 milioni di persone abitano la Guinea Bissau. E come in tutti gli Stati del continente, sono numerose le etnie che convivono. La maggioritaria è quella dei Balanta, provenienti dall’Africa del Nord e discendenti dai Bantú; ma sono presenti in modo significativo anche i Mandingo, dall’Ovest africano, i Fula, a cui si deve l'introduzione e la diffusione della religione islamica in Africa occidentale, e i Papel.

La maggior parte della popolazione è di religione animista; seguono i musulmani e i cristiani.

Il kriol, creolo portoghese, è la lingua più parlata. Nonostante la lingua ufficiale sia il portoghese, insegnato nelle scuole e usato nelle riunioni politiche cosí come dalle tv, il kriol resta l’idioma piú diffuso nelle interazioni quotidiane, soprattutto in città. Nelle campagne, invece, regnano sovrani i dialetti indigeni.

L'economia

La Guinea Bissau occupa il 177° posto nella classifica stilata dall’UNDP per lo Human Development Report. Il Paese risulta essere tra i paesi piu poveri al mondo, con un’economia locale fondata essenzialmente sulla pesca, sull'agricoltura di sussistenza e sullo sfruttamento delle risorse forestali. L'agricoltura di esportazione è quasi completamente incentrata sulla vendita di anacardi, che in Guinea Bissau vengono raccolti e poi esportati direttamente nei paesi che provvedono alla produzione, come India e Libano. La volatilità dei prezzi di questo prodotto sul mercato internazionale rende l’economia guineense ancora più vulnerabile. Una delle schiavitú della Guinea Bissau, infine, è rappresentata dalle importazioni, doppie rispetto alle esportazioni: nonostante la vasta presenza di campi coltivati a riso, per esempio, il riso stesso è uno dei beni maggiormente importati dall’estero.

Credits

Guinendadi è un reportage multimediale di:
Serena Carta, Fabio Lepore, Carolina Lucchesini, Sara Perro

Web design:
Q - creative science www.mynameisq.com

Filmaker, fotografia e montaggio:
Carolina Lucchesini

Suono di presa diretta:
Fabio Lepore

Traduzioni e sottotitoli:
Carlo Maria Delù

Con il supporto di:
Publican Press pagina su Facebook
e Smart Factory www.smart-factory.it

Realizzato in collaborazione con:

engim_piemonte Engim Piemonte internazionale.engim.it

Nell'ambito del progetto europeo:

DevReporter Network DevReporter Network www.devreporternetwork.eu

Promosso da:

Consorzio ONG Piemontesi Consorzio ONG Piemontesi www.ongpiemonte.it

e
Federació catalana d'ONG per al desenvolupament
Federació catalana d'ONG per al desenvolupament www.lafede.cat

e
Resacoop
Resacoop www.resacoop.org

E con il contributo finanziario dell’Unione Europea DCI-NSAPVD/2012/279-805
Per la duplicazione del portale in francese, inglese e portoghese,
contributo dell'Unione Europea DCI-NSAPVD/2014/354-909.

Unione Europea

Il contenuto del reportage è di responsabilità esclusiva degli autori
e non riflette la posizione dell'Unione Europea.


Un ringraziamento speciale a:
Andrea Zanchetta, Valentina Topputo, Matteo Ghiglione, Sara Gianesini, Paola Salvadori, Elena Pani e Lorenzo Chiaraviglio, Piero Meda, Ilaria Di Nunzio, Padre Lidio, Ajax Torres, Riccardo Mulas, Andrea Silvetti, Viviana Toro Matuk, Goffredo d’Onofrio, Margherita Baldarelli, Associazione Amici della Guinea Bissau



Informativa sull'uso dei cookies
e come puoi gestire i cookie in relazione al sito

Il sito web guinendadi.it utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati nel presente sito e su come gestirli.

Cosa sono i cookies?

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel corso della navigazione l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie inviati da siti o da web server diversi (c.d. terze parti), sui quali possono risiedere alcuni elementi (ad es. immagini, video, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che l'utente sta visitando.

Più in generale, alcuni cookie (definiti cookie di sessione) sono assegnati al dispositivo dell'utente soltanto per la durata dell'accesso al sito e scadono automaticamente alla chiusura del browser. Altri cookie (definiti persistenti) restano nel dispositivo per un periodo di tempo prolungato.

Le specifiche finalità delle diverse tipologie di cookie installati in questo sito sono di seguito descritte. Puoi disattivare i cookie seguendo le informazioni di seguito riportate.
Nel seguito di questo documento si farà riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Questo sito utilizza cookie?

Sí, il sito utilizza cookies per migliorare ed offrire servizio e funzionalità ai suoi Utenti.
Gli Utenti possono restringere o disabilitare l'uso dei cookies attraverso il proprio browser oppure impostando a proprio piacimento le opzioni relative presenti sui siti delle terze parti. Ciò nonostante, senza cookies è possibile che gli Utenti non possano utilizzare tutte le funzioni del sito.

Quale tipo di cookie utilizza questo sito?

Il sito guinendadi.it fa unicamente uso di cookies di terze parti quali, a titolo di esempio ma non esclusivamente, quelli forniti dai social plugin di piattaforme come Facebook, Twitter, LinkedIn e Google, nonché di cookies tecnici di prima parte relativi agli strumenti di analisi delle visite del sito raccolti esclusivamente in forma aggregata.

Il sito guinendadi.it non fa uso alcuno di cookie di profilazione dell’Utente.

Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn, ma anche nel caso di embed di servizi resi da altre piattaforme, quali Google Maps (mappe) o YouTube (video), si utilizzano cookie. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito i principali indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook – informativa: www.facebook.com/help/cookies/
Facebook – configurazione: accedere al proprio account alla sezione Privacy.

Twitter – informative: support.twitter.com/articles/20170514
Twitter – configurazione: twitter.com/settings/security

Linkedin – informativa: www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin – configurazione: www.linkedin.com/settings/

Google+ – informativa: www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ – configurazione: www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Accettazione dei cookie

Il proprietario del presente sito dà per certo che mediante la consultazione di una qualsiasi pagina del sito, la navigazione attraverso le sue pagine o cliccando su un qualsiasi link, l'Utente sta accettando l'uso dei cookie.

In qualsiasi pagina del sito è presente un collegamento alla politica di uso dei cookie, posto a piè di pagina, con l'obiettivo di rendere cosciente l'Utente in ogni momento nel quale il sito faccia uso dei cookie.

Gestione dei cookie

L'erogazione di tutti i cookie, sia di prime che di terze parti, è disattivabile dall’Utente intervenendo sulle impostazioni del browser in uso; è bene notare però che questo potrebbe rendere inutilizzabili i siti qualora si bloccassero i cookie indispensabili per l'erogazione delle funzionalità. Ogni browser dispone di impostazioni diverse per la disattivazione dei cookie; di seguito proponiamo i collegamenti alle istruzioni per i browser più comuni.

Chrome: support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Firefox: support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari per OSX: support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
Safari per iPhone, iPad o iPod: support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT
Opera: help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html


Parlano di noi

Guinendadi, storie di rivoluzione e sviluppo in Guinea Bissau,
ha ricevuto il primo premio del pubblico e il secondo premio ex-equo della critica
all'interno del progetto devReporter Network.
Leggi la news qui.



Altre news

Corriere Sociale

Huffington Post

Vita

Wired

Repubblica Torino

Futura

CN Live

Pressenza

Q Code Mag

Voci Globali

Le Nius

SOS Diritti Umani

Mondo Missione

Frontiere News

Caffé dei Giornalisti

Comunicare il sociale

Make Me Feed

Diario del Web

Dev Reporter Network - Piemonte

Oblò.it

Cafébabel

Pop Economix

Prima Radio - Il filo di Arianna (mp3)

Border Radio - Karibu

Altreconomia

Volontari per lo sviluppo

Nel Paese

Civica Scuola di Cinema

Ditadura do consenso